Mi presento, sono una giovane donna, con una vita piena, tanti sogni da realizzare e altrettanti infranti. La mia innata curiosità per il mondo e la mia naturale predisposizione al cambiamento mi hanno portato alla ricerca continua di nuovi stimoli, di nuovi posti da visitare, di nuove persone da conoscere e di nuovi amori da vivere.

Ho 35 anni e ho già vissuto con grande intensità diversi capitoli della mia vita, alla ricerca del posto giusto in cui fermarmi e sentirmi a casa. E ogni volta che pensavo di aver trovato il mio posto, la mia dimensione, scattava in me qualcosa, una sorta di auto abotaggio, che mandava in frantumi tutto.

E via, valigia alla mano, si chiude un capitolo e si riparte.

Ricominciare è un arte, un lavoro che necessita impegno, una grande dose di autostima, tanto coraggio e sopratutto una grandissima fede. Fede nella vita, fede in Dio (per chi ce l’ha) , fede nelle persone, nell’amore, nelle energie positive e sopratutto in se stessi.
La fine di un amore rappresenta un processo traumatico, una rottura, una chiusura di un capitolo e di una fase della vita spesso difficile da affrontare e da accettare.

Il cambiamento che tanto spaventa in realtà potrebbe diventare il nostro più prezioso alleato, se affrontato e vissuto nel modo giusto e con i giusti strumenti. Ed è proprio quel dolore che mi ha costretta un giorno a fermarmi e a capire, grazie ad un meraviglioso viaggio interiore, che dietro la fine della mia storia in realtà si celavano tantissimi irrisolti, che mi hanno portata negli anni ad avere relazioni tumultuose e non costruttive, lasciandomi dentro un grande senso di vuoto e di frustrazione.

Ed oggi RINGRAZIO quel dolore, ringrazio quella sensazione di totale smarrimento che si prova dopo la fine di una relazione e ringrazio la mia forza interiore e tutte le persone che mi hanno aiutato a guardarmi dentro e a rinascere.

 

RESTART nasce per questo, ho voluto creare una piccola comunità dei “cuori infranti” dove confrontarsi, aiutarsi, sostenersi e accompagnarsi verso il cambiamento, verso una nuova vita che per quanto sembri duro da accettare al momento sarà sicuramente migliore di quella precedente.

E alla fine del tunnel anche voi ringrazierete quel dolore provato perché sarà proprio quello che vi avrà reso migliori, più belli più energici ma sopratutto più consapevoli di voi stessi, dei vostri limiti e della vostra forza.

Insieme ce la possiamo fare.

Benvenuti a casa